Weekend medievale.

 

 

castel11

 

Un po’ di immagini dal fine settimana appena passato.
Siamo andati a visitare Castel Beseno, nei pressi di Rovereto, in occasione dell’evento “All’armi! All’armi!”, una rievocazione storica che ha animato il castello (già bellissimo di suo) con combattimenti in costume, giochi e musica del Cinquecento.
castel05
castel08castel01castel02
Anna ha, giustamente, voluto indossare il suo copricapo da dama di corte, comprato durante un’altra manifestazione medievale, d’altronde qui in Trentino siamo pieni di castelli, che ci volete fare…
castel06
Neanche a dirlo, i bambini erano un po’ spaventati dal suono dei tamburi (!!!)
castel04castel03
Il Villaggio dei giochi, invece, è stato molto apprezzato…da tutta la famiglia.

Buona settimana!

 

Annunci

Nel weekend.

we2

 

 

Tra una malattia e l’altra, nel weekend siamo riusciti ad uscire tutti e quattro insieme per ben un’ora!!
Ci siamo avventurati nientemeno che fino al parco vicino casa (5-10 minuti di strada a piedi).
we1
Lì abbiamo trovato un gazebo vuoto, rimasuglio dei mercatini di Natale ancora da smantellare completamente, per il quale i bimbi hanno mostrato un entusiasmo davvero esagerato…il bello dell’essere bambini, no?
we3we4

we5

Sperando di ampliare il nostro campo d’azione prossimamente…vi auguro un buon inizio di settimana!
Io e Tobia, per la cronaca, siamo ancora a casa malaticci.

 

 

 

Via per il weekend.

inn_2

 

Come vi avevo anticipato, siamo finalmente riusciti a fare un viaggio tutti e 4 insieme, meta: Innsbruck.
A sole due ore di macchina da casa, durata di viaggio ideale per Tobia, ci siamo immersi in una realtà molto diversa dalla nostra.
Abbiamo soggiornato al Nala Hotel, albergo in posizione centralissima e davvero curato in ogni dettaglio, in una camera con cucina, che ci ha permesso di essere indipendenti per quanto riguarda gli orari dei pasti…e per fortuna, dato che Anna e Tobia si svegliavano affamati alle sei del mattino!!

Il primo giorno siamo andati a spasso per le vie del centro.
inn_7inn_1
E siamo saliti sulla Torre Civica, per far vedere ai bimbi la città dall’alto.
inn_3 inn_4 - Versione 2
Anna si è fatta tutte le scale per salire fino in cima, senza mai lamentarsi, ed è stata quindi premiata con il permesso di disegnare qualcosa (due cuori rossi) sui muri già pieni di scritte.
inn_6 inn_5
Dopo aver attraversato un ponte sul fiume Inn, ci siamo ritrovati in un piccolo parco giochi, dove un gruppo di ragazzi aveva organizzato delle attività ricreative per bambini, l’ideale per far giocare un po’ Anna, far dormire Tobia e far rilassare un po’ mamma e papà.
Ho avuto in generale l’impressione di una città molto accogliente nei confronti dei bambini, accettati ovunque col sorriso, cosa che non sempre accade quando sono a casa.
inn_8 inn_9
Il secondo giorno siamo saliti sopra la futuristica funicolare che parte dal centro della città per arrivare ad un altezza di oltre 2000 metri, per andare all’Alpenzoo.
inn_10 inn_12
Animali preferiti: il lupo e la lince.
inn_11 inn_13
Peluches preferiti (acquistati al negozio dello zoo): l’orso e il castoro.
inn_14
Il terzo giorno siamo rientrati in Italia, per concederci una giornata in un albergo della Val Ridanna, con centro benessere e piscine varie, dato che le previsioni del tempo avevano messo pioggia per tutti e quattro i giorni di vacanza, ed eravamo un po’ preoccupati di cosa avremmo fatto in una città, sotto l’acqua, con due bambini.
In realtà c’è sempre stato il sole (nota mentale: mai più fidarsi delle previsioni meteo), perciò prima di partire siamo andati a visitare Schloss Ambras, un castello poco distante dal centro di Innsbruck. inn_16 inn_15
Al suo interno si trovano armature, dipinti, in particolare ritratti, e perciò non è stato molto apprezzato dai miei figli, che si sono invece goduti il giardino meraviglioso che lo circonda, dove due elegantissimi pavoni emettono dei suoni a dir poco spaventosi.
inn_17
A Innsbruck Anna e Tobia sono stati bravissimi e sempre entusiasti, mentre l’ultimo giorno in albergo, a parte il tempo trascorso in piscina ovviamente, non è stato sempre semplice tenerli buoni: il momento della cena in particolare è stato difficile, ma ormai so che per i miei bimbi rimanere seduti fermi è un’ardua impresa.
Non vedo l’ora di ripetere una vacanza come questa, a zonzo in una qualche città europea, sperando magari di riuscire a spingerci anche un po’ più in là.

Luce.

OiP13

 

Un po’ di foto dal weekend appena passato.
Siamo stati nel parco vicino casa, che ogni anno, in occasione di un evento dedicato agli orti, si trasforma in un museo a cielo aperto con varie installazioni a tema. Quello di quest’anno la luce.
OiP11 OiP10 OiP5 OiP2 OiP7OiP6
Ovviamente non sono mancate le bancarelle, ed io mi sono concentrata più che altro su fiori, piante e…dolci!
OiP1 OiP3 OiP4
Anna e Tobia si sono divertiti a vedere quel bellissimo parco (ormai familiare) così trasformato, ed hanno guardato curiosi le opere esposte.
OiP8 OiP9
I weekend all’aperto con i miei bimbi mi ricaricano sempre a dovere, mi permettono di vedere il lunedì sotto una nuova luce, e di pubblicare un post addirittura di martedì!
Buona settimana!

Pasqua.

DSC_0092

Rieccomi dopo una breve pausa pasquale. Abbiamo trascorso questi giorni di festa in famiglia, mangiando e viziandoci un po’.DSC_0087 DSC_0090
Ed abbiamo pure sfidato le temperature semi-invernali, concedendoci una mezza giornata all’aria aperta (dopo pranzo era davvero troppo freddo per rimanere fuori) in un bel parco riempito per l’occasione di bancarelle e animali.DSC_0093 DSC_0110

DSC_0097 oca

Per il resto…chili e chili di cioccolato sono entrati in questa casa, e voglio assolutamente adoperarne parte per preparare qualche dolce nei prossimi giorni, magari una torta per la colazione. Di certo voglio provare queste fragole.
Ora è tempo di organizzare la festa di compleano per Anna, ed un viaggetto per noi quattro…ci riproviamo dopo l’ultima fallimentare esperienza, incrociando tutto l’incrociabile.

Buona settimana!

Benvenuto aprile.

primule

Finalmente aprile è arrivato con un carico di sole, cielo azzurro e vento che ci scompiglia i capelli. Noi non ci siamo fatti trovare impreparati, e negli ultimi giorni trascorriamo ore ed ore sul terrazzo, ripulito e addobbato a dovere.
margherite
E questo weekend arriverà pure Pasqua con il suo carico di coniglietti, pulcini, uova decorate, cioccolato, e…riflessioni sulla morte.
Già.
Pare che le maestre di Anna abbiano raccontato ai bambini della morte e resurrezione di Gesù con dovizia di particolari, e poteva la mia super-sensibile figlia non rimanere turbata? Perciò in questi giorni è tutto un “non voglio che muori papino/mammina/nonnino” e storie varie di bambine orfane che però potevano salvare dalla morte le persone…
Mah…c’era proprio bisogno di spiegare approfonditamente la Pasqua a bimbi così piccini?!
Qui per ora aspettiamo il coniglietto che nasconderà uova in giro per tutta la casa, siamo ancora molto naive.
bunny

A voi auguro buona Pasqua, e vi offro Beautiful day, degli U2, in una versione di Ben Akers (personaggio sul quale non ho trovato un granché, forse perché sta in Korea…boh?!).

Buon weekend!

Piani per il weekend?

alberi_nel_lago

Si, questa volta mi sono permessa di pianificare il fine settimana! Abbiamo tutti bisogno di distrarci, divertirci e respirare aria buona, dopo la serie di malattie che ci hanno colpito.
E così venerdì, con spirito positivo, sono andata a prendere Anna.
Andare a prendere Anna all’asilo è un po’ come visitare un canile, dove gli ospiti ti guardano con i loro occhioni tristi dalle gabbiette; quando si entra in classe, infatti, i bimbi allungano le loro testoline per vedere la mamma (o il papà) di chi, si nasconde dietro la porta, ed il fortunato/a cambia immediatamente la sua espressione da triste/ansiosa a felice/vittoriosa, per poi uscire di corsa salutando quei poveracci che ancora aspettano.
Ieri pomeriggio ho assistito alla solita scena: ho aperto la porta, testoline curiose, occhi sorridenti di Anna. Aspettavo nel corridoio l’abbraccio della mia bimba, quando mi sono accorta che si era fermata a metà strada…pessimo segno, che può significare solo due cose: è triste per qualcosa che le è successo, sta male.
Ho cominciato a respirare profondamente.
“Ho tanto freddo mamma”
No dai.
“Non vedo l’ora di sdraiarmi sul divano”
Nooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo!
Arrivati a casa, il termometro è stato spietato: 37.8 (diventati 38.8 dopo appena mezz’ora).

E così i piani per il weekend sono miseramente saltati: niente festa di compleanno oggi pomeriggio, e niente giornata sulla neve domenica. Il tutto quando ho smesso di prendere l’antibiotico da un solo giorno.
Questa catena di malessere non sembra intenzionata a spezzarsi, e la mia sanità mentale (che quella fisica ormai…) comincia a vacillare.
Poi guardo gli occhioni lucidi di Anna, sento i battiti del suo cuore accelerati, e ritrovo lucidità: distribuisco tachipirina, preparo tisane, metto olii essenziali in giro per la casa, accarezzo quel corpicino caldo e leggo tante tante storie, sperando che passi in fretta.

A voi, invece, non offrirò medicine o tisane, ma una cover: To love somebody, cantata da Ray Lamontagne e Damien Rice, buon ascolto.

E buon weekend!

 

Sagra, sole e serenità.

DSC_0316

Eccomi con un po’ di foto dal weekend appena passato.
Domenica siamo stati in un borgo davvero grazioso, San Lorenzo in Banale, dove, in occasione della sagra della ciuìga (un salume tipico della zona), le stradine del centro si sono riempite di stand eno-gastronomici, mentre all’interno delle corti erano in vendita diversi prodotti di artigianato.
DSC_0376 DSC_0326 DSC_0321
Noi abbiamo fatto acquisti perlopiù gastronomici, che tanto a spingere il passeggino di Tobia sulle strade arroccate del borgo abbiamo smaltito abbondantemente tutto quanto (e che dire poi della corsa per far fare la pipì ad Anna?!), ma fondamentalmente ci siamo goduti una spettacolare giornata di sole.
DSC_0340 DSC_0368 DSC_0347
Ed è stata l’occasione giusta per Tobia di mettere il suo nuovo berretto autunnale, fatto con tanto amore dalla sua mamma.
Un giorno, magari, provo a buttare giù lo schema per l’uncinetto del berretto ghianda, così potete provare anche voi a cimentarvi!
E il vostro weekend com’è andato?

Mi manca qualche venerdì.

DSC_0149

La settimana scorsa è stata difficile: piena di alti e soprattutto bassi, di momenti di riflessione, di litigate, di notti insonni…un tempo sospeso che si è concluso con qualche venerdì mancante, sia in senso letterale (per quanto riguarda il blog) che figurato (per quanto riguarda me).
Sabato ci siamo concessi una piacevole visita a Bressanone, in occasione della festa del pane e dello strudel.
DSC_0101 DSC_0125
Dopo aver assaggiato dei dolci meravigliosi e fatto un po’ di acquisti ci siamo imbattuti in un mercatino delle pulci, dove sono stata sgridata da un venditore ambulante per aver scattato una foto ai suoi preziosi cartelli (foto che pubblico senza indugi!!)
DSC_0157 DSC_0158
Anna è stata super coccolata dai nonni, ed io sono riuscita a fotografare un po’ di questo bellissimo e tiepido autunno.
DSC_0123 DSC_0151 DSC_0167
Riempirsi gli occhi di cose belle, e lo stomaco di cose buone può davvero aiutare a dare una svolta.
Buona settimana a tutti!

Casa dolce casa.

Un po’ di foto dal weekend appena trascorso.

DSC_0129 DSC_0046

Il tempo non era un granchè e Tobia aveva la febbre, perciò weekend casalingo.

DSC_0114 DSC_0026

Avremmo dovuto farlo tutti assieme, avrei dovuto pubblicare delle foto di una famiglia sorridente e con le mani sporche di cioccolato, ma…le cose non sempre vanno secondo i piani.
Anna dopo aver pesato le mandorle era stufa e ha pensato bene di andare in camera sua, dove c’era Tobia che dormiva da 10 minuti, e che ovviamente si è svegliato di pessimo umore. Anna è stata sgridata, Tobia consolato, Anna consolata, Tobia riaddormentato (ahimè invano) e alla fine ho preparato in solitudine dei biscotti, che però, alla fine, ci siamo mangiati tutti insieme!
Voglio assolutamente condividere la ricetta con voi, perchè sono proprio buoni e facilissimi da preparare (insomma…per noi non è stato proprio facile…ma non certo per colpa degli ingredienti!!).
Questi sono i miei, e sono finiti molto in fretta.

DSC_0147

Lunedì è stato l’ultimo giorno di scuola (dell’infanzia) per Anna, e come il primo giorno, è stata immortalata nel momento dell’uscita di casa. Ho messo le due foto vicine, e il risultato mi ha davvero impressionata…insomma, lo so che i bambini crescono e anche i miei, e che forse il nuovo taglio di capelli fa tanto, ma…mi sembra proprio in una nuova fase della sua vita di bambina, boh?! Cuore di mamma?

DSC_0002 DSC_0164

E comunque, si.
Il nuovo taglio di capelli non mi convince affatto.
Domani vi voglio parlare di un simpatico progetto/gioco, al quale ho partecipato.