Big in Japan.

bamboo

 

 

 

Venerdì, giorno di cover!
Oggi vi faccio ascoltare Big in Japan, pezzo di un gruppo tedesco degli anni 80, gli Alphaville. Una cover di questo brano era diventata famosa nel 2000 grazie ai Guano Apes, tedeschi pure loro, oggi invece ve ne propongo una versione molto delicata, realizzata dalla norvegese Ane Brun.


Buon weekend!

Skyfall.

DSC_0014

 

 

…settimana difficile? Abbastanza, grazie.
Ma oggi è venerdì, tempo di pensare al relax in famiglia, e tempo di offrirvi una cover!
Vi propongo Skyfall di Adele, come avrete intuito dal titolo del post, ma in una versione liberatoria del giovane Noah Guthrie.


Buon weekend!

Gold.

gold

 

 

Oggi vi voglio offrire una canzone che mi ricorda l’infanzia, quando con mio fratello ascoltavamo gli Spandau Ballet, facendo finta di essere pure noi delle rock star…
Che poi…le vere rock star forse erano altre, ma noi eravamo piccoli ed erano gli anni 80.
Questa versione di Jonathan Kluth, però non sembra appartenere a quegli anni, e forse mi piace proprio per questo!


Buon weekend!

The sound of silence.

artesella

 

 

 

Pare che questa settimana ci sia stato un compleanno importante, quello di The Sound of Silence, famosissimo pezzo di Simon & Garfunkel.
Ma non vi offrirò la cover di questo pezzo, perchè secondo me è uno di quei brani che va proprio lasciato stare così com’è: non si può migliorare né con un arrangiamento diverso, né con un’ottima esecuzione.
Ma voglio comunque rendere omaggio al duo statunitense con The boxer.
Ve la propongo in una versione fedele all’originale, ma davvero ben eseguita da Matt Simons e Chris Ayer.

Buon weekend!

Pianificazione.

pianificazione

 

 

Si, è vero, mi sono presa una piccola pausa dal blog.
Colpa degli eccessivi festeggiamenti per il mio post numero 100 (!!!)? No.
Il fatto è che, nonostante avessi un pezzo già pronto (cosa rarissima per me), non volevo pubblicare nulla prima di capire bene come proseguire qui. Purtroppo non riesco sempre a scrivere quanto vorrei, e ultimamente mi ero ridotta a farlo solo di venerdì, e dovendo pure trovare una cover…perciò ho deciso che il venerdì vi offrirò come sempre, qualcosa da ascoltare, ma scriverò negli altri giorni della settimana.
Ammetto che mi piacerebbe fare una pianificazione seria, divisa per argomenti, sicura di avere sempre qualche foto da mostrarvi, nuove storie da raccontarvi, progetti e idee da spiegarvi…ma conosco i miei limiti, e vi posso solo promettere che scriverò. Un po’ quel che mi pare e quando mi capita!
Detto questo (ammesso che vi potesse interessare), mi va di ricominciare proprio di venerdì, come il primo giorno di questo 2016, perciò con una cover, e con un omaggio.
A David Bowie, artista che ho conosciuto non per le sue canzoni, ma grazie ad un film, Labyrinth, che me lo aveva fatto amare all’istante, e che mi aveva portato poi ad apprezzare la sua musica.
Vi offro Space Oddity, interpretata dall’ottimo Passenger.


Buon weekend!

Per Natale vorrei.

addobbo

 

 

Quest’anno Anna e Tobia hanno già scritto e spedito la letterina a Babbo Natale, con le loro personali richieste…io invece voglio lasciare qui la mia lista di desideri natalizi.
Per Natale vorrei che non ci fossero ansia e preoccupazione attorno ai giocattoli da comprare per figli o nipoti, vorrei che i regali non fossero i protagonisti della giornata, e che i bambini ricevessero felici qualsiasi dono, anche se non si tratta di quello che avevano esplicitamente richiesto.
Vorrei che dove e con chi trascorrere la giornata di Natale non diventassero motivo di liti e invidie familiari, vorrei che prevalesse la voglia di stare insieme per condividere un giorno speciale, accogliendo il maggior numero di persone, e senza preoccuparsi d’altro che non siano lo star bene e il volersi bene.
Vorrei riuscire a vedere quanti più amici possibile, durante queste vacanze, perchè i figli, ahimè, limitano non poco la vita sociale dei loro genitori, e le festività possono essere un buon momento per recuperare qualche rapporto.
E poi vorrei…compiere 25 anni, anzichè 35 (!!!) come succederà alla viglia di Natale, e trascorrere molto tempo in casa con infinite scorte di prosecco e di dolci, ma senza metter su nemmeno un chilo.
E qui mi sa che nemmeno S. Lucia, Babbo Natale e la Befana messi insieme potrebbero aiutarmi…

Per chi, invece, desiderasse una cover, posso accontentarvi io!
Oggi tocca a Santa Baby, altro classico brano natalizio, in una versione molto poco classica, ma assai divertente del Gay Men’s Chorus of Los Angeles.


Buon weekend!

 

21 giorni a Natale.

DSC_0322

 

 

In questo momento, se alzo gli occhi dallo schermo, vedo una tazza fumante di tisana, le luci dell’albero fuori dalla finestra, i miei bimbi sul divano, persi in un mondo fatto di draghi e vichinghi, ognuno con un cuscino in mano, da abbracciare nelle scene più paurose del cartone che stanno guardando.
In questo momento, se penso alla settimana che sta finendo, penso al calendario dell’avvento, che Anna e Tobia ogni mattina cercano con trepidazione, penso al compleanno di Mirko, festeggiato con i bimbi e i loro lavoretti fatti con tanto amore per il loro papà.
In questo momento, se penso ai prossimi giorni, vedo un bel weekend lungo da passare in famiglia, a goderci quest’atmosfera natalizia, ormai entrata anche in casa nostra, e il buio e il freddo che ti fanno tornare a casa presto, e che ti fanno venire voglia di leggere un bel libro sotto le coperte e di addormentarti presto la sera.
In questo momento, a parte il raffreddore che ci rimbalziamo l’un l’altro, sembra davvero tutto perfetto…mancherebbe soltanto una bella nevicata!
E allora provvedo subito con la cover (natalizia, come vuole la tradizione) di oggi: Let it snow, cantata da Christina Perri.


Buon weekend lungo!!

Fino a qui, tutto bene.

piastre

 

 

Questa è la storia di un uomo che cade da un palazzo di 50 piani. Mano a mano che cadendo passa da un piano all’altro, il tizio per farsi coraggio si ripete: “Fino a qui, tutto bene. Fino a qui, tutto bene. Fino a qui, tutto bene.” Il problema non è la caduta, ma l’atterraggio.
Citazione dal film L’odio.

Quando sei chiusa in casa da più di cinque giorni con due bambini ammalati, le giornate sembrano esattamente questo: una caduta libera da un palazzo di 50 piani.
Ogni piano corrisponde ad un piccolo passo avanti compiuto con gli affatto collaborativi esserini, che, in quanto malati, tendono a lamentarsi di qualsiasi cosa, ad essere in perenne disaccordo fra di loro su svariati argomenti (con cosa giocare, quale libro leggere, che cartone guardare, cosa mangiare) e a richiedere morbosamente la mia attenzione.
Abbiamo finito la colazione. Fino a qui, tutto bene.
Tobia ha fatto l’areosol. Fino a qui, tutto bene.
I bambini giocano con i lego e sono (solo) le 9. Fino a qui, tutto (abbastanza) bene.
Hanno mangiato la frutta di metà mattina. Fino a qui, tutto bene.
E poi pranzo, pisolino, altri giochi, un cartone (devo sopravvivere pure io!!), cena, bagnetto e nanna…avanti così fino al mio schianto finale sul divano, in stato semi-cosciente.
Solo che non si tratta mai di un atterraggio definitivo, perchè il giorno dopo ricomincia con un’altra caduta.

Free Falling mi pareva il titolo giusto per la cover di oggi, e John Mayer il perfetto interprete da offrirvi.

Buon weekend!

Gentilezza.

gentilezza

 

 

Oggi è la giornata mondiale della gentilezza.
Tobia si è preso un morso da un suo compagno d’asilo (il secondo in due giorni!), e stasera a cena ci ha voluti informare del fatto che lui è un bambino cortese…le parole esatte sono state “Io cortese persone”.
Anna è ammalata per la seconda volta in due settimane, perché Novembre, invece, non è affatto un mese gentile con la salute dei miei bimbi.
In compenso, a casa, siamo senza acqua calda per un problema alla caldaia, perciò, nonostante l’odierna ricorrenza, non credo riuscirò a rivolgere un gentil pensiero all’idraulico che non ha trovato tempo per noi…e buon fine settimana!
Parliamo di musica, che è meglio.
Oggi vi offro You’re the one that I want…si, quella di Grease. E dato che sono molto gentile (e non perché io non abbia saputo scegliere!!!!) vi faccio ascoltare due cover di questo pezzo, voi quale preferite?
La versione di Sacha Page

…o quella di Elijah Aaron ?

Buon weekend!