Weekend di festa.

Carnevale0058

 

 

 

No, non vi siete dimenticati di qualche festività nazionale…domenica siamo solo stati alla prima festa di Carnevale.
Quest’anno i bimbi (più Anna, in realtà) hanno richiesto come tema Dragon Trainer, un film d’animazione, e quindi ho realizzato una Furia Buia e una Astrid.
Carnevale0051
Per il costume da Sdentato di Tobia ho seguito questo tutorial, ma per le ali ho optato per una soluzione molto più semplice: un bel foglio di feltro nero da ritagliare.

Carnevale0039
Per il costume di Anna, invece, mi sono arrangiata…feltro per gli stivali e per la gonna, gocce di perla per le borchie e DAS per i teschi. Sugli avambracci un calzino, dal quale ho tagliato tallone e punta, con arrotolato sopra un filo di lana piuttosto grosso.
Per fare le spalline, invece, ho dato un’occhiata qui, ma ho poi utilizzato un foglio autoadesivo per superfici, ritagliato e ripiegato su se stesso per formare le 5 strisce, che ho cucito assieme. Sopra ci ho incollato dei feltrini (quelli da mettere sotto le sedie, per capirci) colorati di grigio con gli acquerelli.
Et voilà…Astrid!


E voi? Siete pronti per Carnevale?

Carnevale.

carnevale_bn

Quest’anno siamo stati piuttosto sfortunati col Carnevale: non siamo mai riusciti a partecipare ad una festa tutti e 4 insieme, io e Mirko poi ci siamo pure persi la prima uscita in costume di Tobia (se la sono goduta i nonni in compenso).
Anna per fortuna è stata sempre bene, e così ha potuto indossare il suo costume da…Anna…la principessa di Frozen.

carnevale_1

Per evitare di farle indossare la giacca (annoso problema), le ho messo una maglia di pile azzurra sotto il corpetto, e ho realizzato il mantello col pannolenci, più caldo del raso che propongono sempre in merceria quando dichiari di voler fare un vestito da principessa.
Per la gonna e il corpetto ho adoperato dei tessuti recuperati a casa della mia nonna, ho comprato soltanto il materiale per il mantello: pannolenci, bordatura a pallini (cucita alla mantellina tutta a mano!!) e il gancio per chiuderlo, trovato proprio uguale uguale a quello del cartone!
Per il corpetto ho comprato del nastro sbieco giallo per il contorno, ed ho usato un po’ di avanzi di pannolenci per la decorazione floreale, non fedelissima all’originale, ma vabbeh…dai…

carnevale_2

carnevale_3

Anna era molto soddisfatta del mio lavoro, e si è divertita un bel po’ a giocare con le altre Anna ed Elsa (i vestiti più gettonati in assoluto), salvo entrare in crisi ogni tanto perché il costume da Elsa sarebbe stato più bello. Ed ora ogni giorno mi propone un nuovo travestimento per l’anno prossimo: piratessa,  Anna ma col vestito dell’incoronazione (che solo se avete visto Frozen potete capire), Elsa, Merida, etc etc…spero le passi in fretta perché mi sta già venendo l’ansia!!

I buoni costumi.

carnevale

Si avvicina il Carnevale, una festa che non mi ha mai entusiasmato quando ero piccola, e che ho invece riscoperto ora che sono mamma: ad Anna infatti piace moltissimo travestirsi, e a me piace moltissimo realizzare i suoi costumi!
Per la sua prima festa ne ho cucito uno da pinguino, seguendo questo tutorial, ed ecco il risultato.

pinguino_2pinguino_1
L’anno successivo l’abbiamo usato di nuovo, con l’aggiunta di una borsa porta coriandoli a forma di pesce (me la sono cavata con un pomeriggio di lavoro!).
pinguino_3
Ed Anna ha passato il pomeriggio a guardare le bimbe vestite da principesse con occhi sognanti…
Io però ho un problema con i costumi da principessa.
Insomma, abitiamo in Trentino, e quando si va alle feste in piazza fa freddo! Per questo si vedono due tipi di principesse: quelle con la giaccavento sopra il vestito (che ammazza il vestito) e quelle con la giaccavento SOTTO il vesitito (che ammazzeresti la madre…ma dai! Queste povere bimbe sembrano tanti omini Michelin travestiti).
Per questo cerco un buon compromesso tra un personaggio che piaccia ad Anna, ed un vestito con cui possa star calda, e l’anno scorso abbiamo deciso per Trilli in una versione invernale (dal film Disney Trilli e il segreto delle ali).

trilli_1trilli_2
Questo costume è farina del mio sacco, e mi ha fatto scoprire il pannolenci, comodissimo perchè non necessita di orli (anche se poi ho bordato la giacca con il pellicciotto finto).
In questi giorni si lavora al prossimo travestimento, e quest’anno Anna sarà una principessa…rigorosamente senza giaccavento!