Via per il weekend.

inn_2

 

Come vi avevo anticipato, siamo finalmente riusciti a fare un viaggio tutti e 4 insieme, meta: Innsbruck.
A sole due ore di macchina da casa, durata di viaggio ideale per Tobia, ci siamo immersi in una realtà molto diversa dalla nostra.
Abbiamo soggiornato al Nala Hotel, albergo in posizione centralissima e davvero curato in ogni dettaglio, in una camera con cucina, che ci ha permesso di essere indipendenti per quanto riguarda gli orari dei pasti…e per fortuna, dato che Anna e Tobia si svegliavano affamati alle sei del mattino!!

Il primo giorno siamo andati a spasso per le vie del centro.
inn_7inn_1
E siamo saliti sulla Torre Civica, per far vedere ai bimbi la città dall’alto.
inn_3 inn_4 - Versione 2
Anna si è fatta tutte le scale per salire fino in cima, senza mai lamentarsi, ed è stata quindi premiata con il permesso di disegnare qualcosa (due cuori rossi) sui muri già pieni di scritte.
inn_6 inn_5
Dopo aver attraversato un ponte sul fiume Inn, ci siamo ritrovati in un piccolo parco giochi, dove un gruppo di ragazzi aveva organizzato delle attività ricreative per bambini, l’ideale per far giocare un po’ Anna, far dormire Tobia e far rilassare un po’ mamma e papà.
Ho avuto in generale l’impressione di una città molto accogliente nei confronti dei bambini, accettati ovunque col sorriso, cosa che non sempre accade quando sono a casa.
inn_8 inn_9
Il secondo giorno siamo saliti sopra la futuristica funicolare che parte dal centro della città per arrivare ad un altezza di oltre 2000 metri, per andare all’Alpenzoo.
inn_10 inn_12
Animali preferiti: il lupo e la lince.
inn_11 inn_13
Peluches preferiti (acquistati al negozio dello zoo): l’orso e il castoro.
inn_14
Il terzo giorno siamo rientrati in Italia, per concederci una giornata in un albergo della Val Ridanna, con centro benessere e piscine varie, dato che le previsioni del tempo avevano messo pioggia per tutti e quattro i giorni di vacanza, ed eravamo un po’ preoccupati di cosa avremmo fatto in una città, sotto l’acqua, con due bambini.
In realtà c’è sempre stato il sole (nota mentale: mai più fidarsi delle previsioni meteo), perciò prima di partire siamo andati a visitare Schloss Ambras, un castello poco distante dal centro di Innsbruck. inn_16 inn_15
Al suo interno si trovano armature, dipinti, in particolare ritratti, e perciò non è stato molto apprezzato dai miei figli, che si sono invece goduti il giardino meraviglioso che lo circonda, dove due elegantissimi pavoni emettono dei suoni a dir poco spaventosi.
inn_17
A Innsbruck Anna e Tobia sono stati bravissimi e sempre entusiasti, mentre l’ultimo giorno in albergo, a parte il tempo trascorso in piscina ovviamente, non è stato sempre semplice tenerli buoni: il momento della cena in particolare è stato difficile, ma ormai so che per i miei bimbi rimanere seduti fermi è un’ardua impresa.
Non vedo l’ora di ripetere una vacanza come questa, a zonzo in una qualche città europea, sperando magari di riuscire a spingerci anche un po’ più in là.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...